torna alla home page

L'ARGOMENTO DEL MESE


 

Le strategie terapeutiche anticellulite alle Terme

Fanghi, bagni termali, percorsi vascolari, massaggi e pressoterapia sono i trattamenti consigliati

Della Dott.ssa Susanna Viti
Specialista in dermatologia e venereologia
Consulente Riccione Terme

La panniculopatia edemato-fibrosclerotica, meglio nota come cellulite, è un inestetismo provocato da un’alterazione del tessuto sottocutaneo o ipoderma, con ipertrofia delle cellule adipose e ritenzione di liquidi negli spazi intercellulari.
Si tratta essenzialmente di un’alterazione del microcircolo che riconosce cause genetiche, costituzionali ed ambientali. Il sesso femminile ed in particolare le donne di razza bianca ne risultano maggiormente colpite.
Le sedi preferenziali dove la cellulite si localizza sono i fianchi e gli arti inferiori, ma anche braccia e addome possono esserne interessati.
Fumo, alcool, sedentarietà, alimentazione scorretta, insieme all’uso di indumenti attillati e scarpe strette con tacchi alti, contribuiscono al peggioramento di questa patologia.
Diversi sono gli stadi evolutivi di questo in estetismo che nelle fasi avanzate può provocare anche dolorabilità al tatto. Se non trattata la cellulite evolve in una forma sclerotica dura e scarsamente responsiva alle terapie. Alle prime manifestazioni di cellulite, che può insorgere anche in giovane età e in donne magre, si possono adottare diverse strategie terapeutiche.
In ambito termale l’applicazione di fango sulfureo-salsobromoiodico, seguito da bagno con idromassaggio, costituisce un ottimo supporto alle terapie anticellulite più note quali, ad esempio, la mesoterapia ed il massaggio linfodrenante.
Il fango ricco di sali minerali viene applicato caldo in strato sottile nelle zone da trattare. Il calore esercita una vasodilatazione periferica con conseguente passaggio di sali negli strati cutanei superiori in virtù di un processo di osmosi, cioè di scambio, attraverso la pelle entrano le sostanze minerali terapeutiche ed escono particelle di acqua e tossine. In questo modo si riduce il gonfiore tipico delle zone cellulitiche con stimolazione del metabolismo locale e riduzione dei cuscinetti adiposi. Il successivo bagno termale con idromassaggio costituisce un ulteriore stimolo a rimuovere i liquidi in eccesso e a contrastare il rilassamento dei tessuti.
La piscina termale ed il percorso vascolare kneipp, attraverso il movimento e la ginnastica vascolare, potenziano gli effetti dell’idromassaggio. Per ottenere risultati più rapidi e duraturi si consiglia di abbinare all’applicazione del fango estetico un ciclo di massaggi manuali specifici e la pressoterapia con bendaggi vasoattivi.

LISTA DEGLI ARGOMENTI

STAMPA LA PAGINA

 

 

TERME DI RAFFAELLO via San Gianno 7 - 61020 Petriano - Pesaro Urbino - tel. 0722 355.111 - 0722 355.003 fax 0722 355.867
Email: info@termediraffaello.it  Condividi